2021: Ora o mai più per le Zone Umide del Mediterraneo

Il 2 Febbraio sarà il “World Wetlands Day”, la Giornata Internazionale delle zone umide e maicome ora serve fare il punto su ciò che viene celebrato e perché. Questo perché il futuro dellenostre zone umide e il futuro dell’umanità stessa sono indissolubilmente connessi, e il 2021 è ilmomento giusto per fare qualcosa al riguardo.

© MedSea.

Per gran parte della nostra storia recente abbiamo trattato le zone umide come se nonimportassero. Le coste sono per essere edificate, fiumi e laghi sono per fornire risorse idricheillimitate per aziende agricole e fabbriche, le paludi devono essere prosciugate per lo sviluppo. Quinel Mediterraneo abbiamo convertito e degradato le nostre zone umide per secoli e dal 1970 abbiamo perso la metà di ciò che restava.

Read the article in FR | AR |  EN | SP

Ciò che ancora molti di noi ignorano, tuttavia, è che la vita inizia nelle zone umide e che le stesse consentono la vita. Se vogliamo avere qualche speranza di risolvere le crescenti sfide che la nostra regione deve affrontare e se vogliamo garantire un futuro sostenibile per i popoli del Mediterraneo, allora è tempo per un nuovo inizio e uno sforzo comune e concertato per salvare e ripristinare questi ecosistemi vitali.

Le zone umide si presentano in diverse forme naturali e artificiali, da fiumi e laghi a paludi, stagni, sistemi costieri e aree marine, e tra loro forniscono servizi naturali fondamentali da cui dipendono il sostentamento di milioni di persone nel bacino del Mediterraneo. Le zone umide non solo immagazzinano e purificano la maggior parte della nostra acqua potabile, ma forniscono cibo e materie prime, sostenendo le economie locali. Sono anche centri vitali per la biodiversità e hanno un ruolo di fondamentale importanza nell’affrontare i cambiamenti climatici. 

Ma oggi nel Mediterraneo le crescenti esigenze dell’agricoltura, dell’industria, del turismo e dello sviluppo urbano hanno spinto le nostre zone umide al limite. L’eccessiva estrazione di acqua (due terzi per l’agricoltura) ha ridotto i flussi del 25-75% negli ultimi decenni e si prevede che la disponibilità di acqua dolce diminuirà del 15% nei prossimi 20 anni. Poiché gli habitat delle zone umide vengono prosciugati e distrutti, i sistemi naturali vitali si stanno indebolendo anche se la domanda continua a crescere.

Come possiamo continuare così? La semplice risposta è che non possiamo. Le attuali proiezioni per il Mediterraneo mostrano che circa 250 milioni di persone vivranno in condizioni di stress idrico entro il 2040, rispetto ai già scioccanti 180 milioni di abitanti che già oggi soffrono questo problema.

Il cambiamento climatico – che i dati mostrano sta colpendo il Mediterraneo il 20% più duramente rispetto alla maggior parte delle altre parti del mondo – sta amplificando la crisi, aumentando le temperature, riducendo le piogge e determinando un forte aumento di inondazioni, tempeste, siccità e altri eventi meteorologici estremi.

Allo stesso tempo, una crisi della biodiversità si sta sviluppando rapidamente nell’area. Le zone umide sono tra gli ecosistemi più ricchi di biodiversità, ma nelle zone umide del Mediterraneo l’abbondanza di vertebrati si è quasi dimezzata dal 1990 e oltre un terzo delle specie delle zone umide è minacciata dal rischio di estinzione. Lo sviluppo e l’inquinamento stanno contribuendo a tutto questo in modo disastroso.

La perdita di biodiversità e il cambiamento climatico sono due facce della stessa medaglia: entrambe sono guidate dalle attività umane e ciascuna peggiora l’altra.

Eppure gli ecosistemi delle zone umide possono fornire soluzioni naturali inestimabili, ma solo se permettiamo loro di funzionare correttamente.

Le zone umide sane immagazzinano e purificano l’acqua, e qui nel Mediterraneo abbiamo un disperato bisogno di più acqua pulita poiché la nostra atmosfera si riscalda e la nostra popolazione continua a crescere.

Le zone umide sane catturano anche i gas serra, raffreddando il pianeta. Le zone umide costiere sequestrano il carbonio per unità di area a una velocità 10-20 volte più veloce dei sistemi terrestri, ma quando vengono distrutte, parte di quel carbonio viene rilasciata nell’atmosfera. 

Gli ecosistemi delle zone umide hanno un ruolo fondamentale nella protezione delle comunità mediterranee dai crescenti rischi associati ai cambiamenti climatici. Ci proteggono da estremi di ogni tipo, come l’innalzamento del livello del mare o mareggiate sempre più frequenti e violente. Più all’interno, le zone umide assorbono piogge intense, proteggono dalle inondazioni e ripristinano i bassi livelli di flusso in tempi di siccità. Sono indicati come uniche soluzioni basate sulla natura che offrono servizi di grande valore sociale, economico e ambientale per l’umanità.

Oggi più che mai, la prosperità e il benessere dei popoli mediterranei dipendono da come ci prendiamo cura del nostro capitale naturale. Ora più che mai, dobbiamo investire nelle zone umide del Mediterraneo mentre affrontiamo un futuro incerto.

Per vincere la sfida abbiamo bisogno di cambiamenti drastici e il 2021 offre opportunità imperdibili per realizzarli: il mondo deve decidere un nuovo quadro globale per la biodiversità, l’Unione Europea è impegnata per un futuro più sostenibile con il “Green Deal” europeo e l’ONU ha messo prioritario per questo nuovo decennio l’impegno per il ripristino degli ecosistemi.

Questo rende il momento perfetto per lanciare politiche innovative e sistemi di gestione nel Mediterraneo che promuovono il ripristino e la sostenibilità delle zone umide, nonché un uso equo delle risorse in agricoltura, industria e turismo. Tutte le parti interessate – comunità locali, settore privato, autorità pubbliche, università, ONG e donatori internazionali – hanno un ruolo da svolgere per dare alla conservazione e al ripristino delle zone umide la spinta di cui hanno bisogno. È davvero in gioco la stabilità sociale, economica e politica del bacino del Mediterraneo.

E noi cittadini, cosa possiamo fare? Ebbene, le zone umide riguardano tutti noi ed è nell’interesse di tutti saperne di più su quanto siano davvero importanti questi incredibili ecosistemi, spargere la voce e sostenere tutti coloro che sono là fuori a preservarli e ripristinarli. 

La Giornata mondiale delle zone umide 2021 è l’occasione perfetta per iniziare a fare la differenza per il futuro della biodiversità e delle persone del Mediterraneo, a tutti i livelli.

Notes :

1. Il progetto: Enhancing the conservation of coastal wetlands in the Mediterranean Basin riunisce più di 30 partner in 10 paesi, con il supporto finanziario della fondazione MAVA e ha i seguenti obiettivi:

  • Ripristinare le zone umide costiere e farle funzionare come soluzioni basate sulla natura per mitigare gli impatti climatici nel Mediterraneo;
  • Incoraggiare l’uso sostenibile dell’acqua e ridurre l’estrazione di acqua;
  • Ridurre le minacce che colpiscono le zone umide costiere e gli habitat marini correlati;
  • Creare nuove opportunità socioeconomiche basate sulle zone umide costiere;

2. La Giornata mondiale delle zone umide mira a sollevare l’attenzione e l’azione sull’importanza delle zone umide per la biodiversità e la vita umana sulla Terra. Segna anche l’adozione della Convenzione Ramsar sulle zone umide, che festeggia quest’anno il suo 50 ° anniversario. Nel Mediterraneo, l’attuazione della Giornata mondiale delle zone umide è il mandato specifico della Mediterranean Wetlands Initiative (MedWet) che riunisce 27 paesi che sono parti della Convenzione di Ramsar. Grazie al supporto di OFB – l’Ufficio francese per la biodiversità, MedWet ha coinvolto più di 300 attori mediterranei nell’organizzazione del WWD.

Share This